Trieste (Trieste) :: Territorio, Storia e Dati Amministrativi

Il territorio, la storia di Trieste

Territorio e storia: la città di Trieste, che confina con la Slovenia, si affaccia sull'omonimo golfo. Il clima della città è di tipo mediterraneo: il clima invernale è mite, mentre quello estivo è caldo in modo piacevole. Ci sono zone della provincia, però, in cui il colima è assai più freddo per l'influsso dei monti circostanti la zona, come il monte Carso, tristemente noto anche per le vicende belliche. Il primo nucleo dellla città fu abitato da genti illiriche (ovvero di origine slava). Il nome della città, già prima dell'arrivo dei romani nel II secolo, era Tergestum. La città prosperò in epoca imperiale in quanto era il porto più importante dell'Adriatico settentrionale. In questo periodo furono costruiti il foro e il teatro. Nel 778 i franchi presero la città, una volta caduto l'Impero d'Occidente, e la città passò sotto Bisanzio. Nel XII secolo Trieste divenne un comune. NEl Trecento, dopo aspre battaglie con la vicina Venezia, passò soto la protezione del duca d'Austria. Nel 1719 la città fu resa un porto franco dal momento che era l'unco sbocco della potenza autriaca sul mare. Per quanto riguarda il Novecento, Trento e Trieste vengono associate da tutti come le città irredentiste, ovvero che, assegnate all'Austria, chiedevano di essere restituite all'Italia alla quale si sentivano di appartenere. Trieste passò all'Italia solo nel 1920 in virtù del Trattato di Rapallo. Trieste è una città di confine, moltietnica: ci vivono italiani, sloveni, autriaci, jugoslavi. Durante il fascismo molti sloveni scapparono in Jugoslavia. Trieste è una città bilingue, nella quale all'Italiano si affianca la lingua locale, il triestino o retoromanzo, che oggi si sta perdendo, ma che fino a pochi decenni fa era la lingua elettiva in ambito famigliare e non solo. A Trieste, è patrimonio comune, si lega il nome della Bora, il terribile vento che soffia durante tutto l'anno. Le folate di Bora possono suoerare i 120 KM/h e, per evitare danni alle persone, la città è munita di cordoni, ai lati delle strade, ai quali la gente si può attaccare durante le raffiche più forti. Arte a Trieste: la piazza principale di Trieste è Piazza Unità d'Italia, la quale da un la lato si apre sul golfo. Edificio principale della piazza è il Palazzo del Municipio, 1875, a corpo unico con una torre centrale. Il progetto p dell'architetto Giuseppe Bruni. Nella piazza troviamo anche la Fontana dei Quattro Continenti formata da 4 statue allegoriche di Europa, Asia, Africa e America. Nella piazza si trova anche il Palazzo della Prefettura. Da visitare anche il teantro romano, I-II secolo, riportato all aluce nel 1938. Affascinante il Canal Grande che attraversa la città: ai lati stupendi palazzi. Prinacipale edificio religioso è la Cattedrale di San Giusto, trecentesca, in stile romanico. Bella la facciata con un grande rosone di pietra carsica. Trieste, specialemente nel Novecento, fu crocevia di intellettuali e di correnti di pensiero. tra i grandi triestini citiamo Umberto Saba, scipio Slapater, Gianni Stuparich, Italo Svevo: vissero a Trieste Lames Joyce, che qui conobbe Svevo che sarebbe diventato suo grande amico e confidente, e Jules Verne. La città inoltre, è dotata di un porto con funzioni sia commerciali che turistiche, queste, anzi, in continua crescita.

Dettagli Amministrativi:

Curiosità:

  • Nome degli Abitanti: triestini
  • Santo del Paese: San Giusto
  • Festa Paesana: 3 novembre

Dati Geografici:

  • Altitudine Municipio: 2 metri sul livello del mare
  • Latitudine: 45,6362 gradi decimali
  • Longitudine: 13,8042 gradi decimali

Vedi anche il territorio e la storia nei paesi confinanti a Trieste
Duino Aurisina, Monrupino, Muggia, San Dorligo della Valle, Sgonico

Condividi sui social!

To Top