Piatti tipici e ricette a Morro d'Oro e in provincia di Teramo

Piatti tipici a Morro d'Oro, ricette e gastronomia: questa è la pagina dedicata ai bongustai e agli apprendisti cuochi. Ecco a voi tutte le ricette tipiche del comune di Morro d'Oro. Primi, secondi, dolci, insaccati, vini, formaggi: ricette sconosciute ai più, ma di ottima qualità. Con le ricette che vi proponiamo stupirete tutti! Siete curiosi di provare uno dei piatti che vi proponiamo, ma ai fornelli siete un disastro? Cambiate pagina e prenotate un tavolo in uno dei ristoranti della zona o del comune: ne uscirete soddisfatti!

Piatti tipici Morro d'Oro





Alici all'ortonese
Pulire e spinare le alici, mettere in ogni alice un filetto di acciuga salata, richiudetele, passarle nella farina, nell'uovo sbattuto e nel pangrattato e friggerle in padella, in olio ben caldo. Disporre le alici sul piatto di portata e guarnirle con spicchi di limone.

Amaretti
Ridurre in polvere mandorle e zucchero a velo; creare un impasto di farina, albumi, mandorle e zucchero, fatene della palline e deponetele in forno caldo per 15 minuti; fateli riposare per un ora, poi serviteli.

Baccalà  alla griglia con peperoni
Grigliate il baccalà e lasciatelo cuocere, togliete la pelle e spinate. Amalgamate con peperoni grigliati e sfilettati, olio, prezzemolo tritato, pezzetti d'aglio, sale. Prima di servire lasciate riposare il tutto almeno per un'ora.

Bocconotti Frentani
Impastate farina, zucchero, burro, uova e tuorli. Preparate il ripieno con mandorle, zucchero, cacao, limone e cannella e liquore. Riempire 12 stampini di bocconotti, metterli in forno per mezz'ora e serviteli freddi.

Bruschetta con crema di fave
I suoi ingredienti sono: fave, cipolla, olio, sale, pepe, pecorino e acqua. Soffriggete il trito di cipolla, aggiungete le fave sgusciate, acqua a coprire, sale e pepe. Cuocete per 30', frullate aggiungendo pecorino, emulsionate e spalmate su tostato.

Burro all'aglio
Ammorbidire il burro e montatelo a crema. Scottate l'aglio in acqua a bollore, sgocciolatelo, spellatelo, schiacciatelo, incorporatelo al burro e amalgamate. Spalmate su pane casereccio abbrustolito o accompagnate le bistecche.

Capra alla neretese
Rosolare olio, cipolla e garofano, mettere la carne di capra tagliata a pezzetti; aggiungere acqua e cuocere per 90'. Asciugata l'acqua e rosolata la carne: unire il pomodoro a pezzetti e cuocere per 60'; infine aggiungere i peperoni tagliati a listelli.

Carciofi arrostiti
Lavare i carciofi, scolarli, salarli e peparli, mettere al loro un impasto di pangrattato, menta, pepe, olio e acqua. Porre in forno una teglia i carciofi, uno vicino all'altro così che non cadano. Infornare a 150° per 40 minuti: quando le foglie si staccano sono pronti. Si mangia solo il suo cuore tenero.

Carciofi ripieni
Pulire i carciofi, sciacquarli, ammorbidirli e aprirli come fiori. Farcirli con menta, prezzemolo, aglio, pecorino, pangrattato e olio. Porli a testa in su in un tegame alto e stretto, portali a cottura per 20', chiusi, finché risultino teneri.

Chitarra abruzzese con pomodori secchi
Cuocere la pasta molto al dente, scolarla e riporla in casseruola da forno. Mescolare pomodori, acqua, porri, rosmarino, succo di limone, scalogni, sale, pepe e olio. Mescolare a fuoco lento, aggiungervi sale, pepe e timo, mescolare, aggiungere vino e sfumare. Riporre in casseruola con porri e timo, aggiungere formaggio, far riposare prima di servire.

Croccante di Natale
Tostare e dorare le mandorle, cuocerle con lo zucchero e rimestare sino a che lo zucchero non si caramelli, togliere dal fuoco, versarvi la buccia di limone, e versare il composto bollente su una lastra di marmo unta e schiacciarlo con un coltello bagnato. Tagliarlo a rombi ancora caldo.

Crostata con gelatina di ciliegie
Amalgamate e tirate la pasta con il matterello e adoperatela per rivestire lo stampo per crostata. Eliminate la pasta eccedente per ricavatene delle decorazioni, spalmate sulla pasta la gelatina di frutta, disponete le decorazioni e infornate per 40' a 180 gradi. Sfornate, raffreddate e sformate.

Crostata con marmellata d'uva
Ridurre la pasta in una foglia sottile, ritagliate un ampio disco e foderate una tortiera imburrata; disponetevi marmellata d'uva e guarnite con la restante pasta con una cornice smerlata. Mettetela in forno caldo a 180 gradi e fatela cuocere fino a dorarla.

Crostini con la scamorza
Affettate del pane raffermo, tagliate fette sottili di scamorza, ungete una teglia da forno, porvi il pane, bagnato con gocce di latte e stendervi sopra la scamorza. Preriscaldate a 180°, aggiustate di sale e pepe, condite con olio e infornate, cuocere finché si indora e il formaggio fonde.

Farinata al rosmarino
Mescolare acqua e farina di ceci, eliminare i grumi, aggiungere sale, unire rosmarino e riposare per 60', aggiungere olio e rimescolare. Rimuovere il rosmarino, versare in una teglia e infornare a 200°C fino a quando appare bruciacchiato. Cospargere di pepe e servire caldissima.

Fave con il guanciale
Sbucciare le fave fresche, fare un soffritto, in olio, con cipolla e guanciale tagliato; aggiungere le fave, sale e pepe e lasciarle insaporire per 30', aggiungendo dell'acqua calda, e servirle calde. Se si usano le fave secche lessate e insaporire per un periodo più breve, aggiungendo del vino bianco.

Fritti di patate
Lessare le patate, schiacciarle e disporle a fontana con la farina, porvi al centro il resto degli ingredienti ed amalgamare bene, lasciar lievitare per un'ora. Dare alla pasta la forma voluta e friggere in olio abbondante. Spolverare con zucchero e cannella.

Insalata caprese
E' un antipasto che può essere servito anche come secondo piatto, rientra nei tipici piatti della cucina napoletana ed il suo nome deriva dall'isola di Capri. E' costituita da fette di pomodoro e mozzarella di bufala campana alternate e condite con olio, sale, basilico e origano.

Insalata di carote alla cannella
Pulite le carote e tagliatele a julienne, sistematele nell'insalatiera, salate, oliate e mescolate; completate con un'abbondante spolverata di cannella in polvere. Servitela con crackers o pane tostato.

Involtini con fagioli
Stendete le fette di carne, e battetele con un batticarne, bollire e scolare i fagiolini; fate un battuto con rosmarino e aglio, spalmatelo sulle fette di carne. Tagliate il parmigiano e mettetelo al centro di ogni fetta di carne, mettete 4 fagiolini per ogni fetta di carne ed arrotolate. Avvolgete ogni involtino in 4 fette di pancetta e fermate con spago da cucina; adagiate la carne in padella e cuocere, sfumando con il vino bianco: servite ben caldo.

Maccheroni alla molinara
Tritare le carni, le verdure e la pancetta, porre tutto in casseruola e rosolare nel burro; versare il vino e farlo evaporare; unire del brodo caldo, con la salsa di pomodoro; salare, pepare e aggiungere il chiodo di garofano; far cuocere ancora per circa 50 minuti.

Olive farcite
Snocciolate le olive, servendovi di un mixer, frullate il burro morbido con i filetti d'acciuga, ottenendo un composto cremoso: versate la crema in una siringa da cucina e farcite le olive.

Olive nere punciute
Sono strati sovrapposti di olive, inframmezzati con strati di sale grosso, sopra il tutto, si pongono foglie di ulivo e una pesante pietra, che esercita una gentile spremitura delle olive, che perdono il loro succo acquoso e il gusto amaro. Sul sapore del prodotto finito agiscono il parziale essiccamento della polpa e la penetrazione del sale nei tessuti. La ragione di drenare il succo amaro delle drupe e dovuta al fatto che, se rimanesse, favorirebbe la comparsa di muffe, nonostante il sale.

Pasta e lenticchie
E' un primo piatto ricco e gustoso, adatto per riscaldarsi dopo una fredda giornata invernale. Può essere preparata più asciutta o più brodosa; insaporita con pancetta affumicata e rosmarino, è una ricetta adatta per utilizzare pasta avanzata di vari formati e spezzata.Le lenticchie, ricche di vitamine, ferro e fibre, sono spesso considerate un ottimo sostituto della carne.

Pastuccia
Semplice nella sua realizzazione, necessita di pochi e basilari ingredienti. La pancetta o il guanciale di maiale andranno ad insaporire in modo energico e caratteristico la pietanza in questione. Quando a Teramo le salsicce cominciano ad asciugare ed indurire è solito usarle proprio per questo piatto.

Patate al coppo
Sono patate che venivano cotto nel coppo, una cupola di ghisa o di terracotta che veniva coperta di brace e di cenere calda e serviva per la cottura degli alimenti. Oggi le patate arrosto vanno servite con tutta la buccia: essa, infatti, può essere tranquillamente mangiata.

Pesche in gelatina di lamponi
Tagliare le pesche a dadini, metterle in stampini, coprirle con gelatina e porrle in frigo per almeno 2 h. Al momento di servire, sformare e coprire con la salsa di lamponi. Guarnire con qualche lampone intero.

Salsa all'aglio
Pestare l'aglio nel mortaio, lavorandolo in senso rotatorio, amalgamatevi olio e sale poco; bagnare e strizzare la mollica; Utilizzatene 1 pugno per porzione, bagnatela nell'aceto e incorporatela alla preparazione fino ad ottenere una crema.

Sanguinaccio chietino
E' una crema al cioccolato preparata a Carnevale, si gusta con le chiacchiere. Essendo il sangue di maiale vietato alla vendita, oggi il sanguinaccio è una crema dolce solo a base di cioccolato. Chiacchiere e sanguinaccio sono un binomio indissolubile.

Scaloppine ai funghi e tartufi
Infarinate ile fette di vitello e cuocerle per 3', evaporare con vino bianco, salate e pepate; unite i funghi, amalgamandoli alle fettine, inserire il pestato di tartufi neri e funghi misti: cuocere per 3' senza far asciugare troppo il tutto, impattare e servire.

Sfogliata di colombe
E' un dolce semplice, sfizioso, fatto di pasta sfoglia e farcito con crema pasticcera. La sua preparazione è veloce: si taglia la pasta sfoglia con uno stampo a forma di colomba e, una volta cotte in forno, le colombine si farciscono con la crema pasticcera.

Sformato di spinaci
Sono delicati e squisiti antipasti, serviti con una gustosa crema al parmigiano che ne esalta il sapore. Per prepararli basta un composto di spinaci, uova, parmigiano e pinoli; una veloce cottura al forno in un bagnomaria: il tocco finale è la crema al parmigiano.

Sogliole alla giuliese
Svuotate le sogliole, spellatele e ritagliate le pinne. Sciacquatele, asciugatele e disponetele in un largo tegame, distribuitevi aglio, prezzemolo, succo di limone, olio e acqua, salate e cuocere per pochi minuti; unitevi le olive, intere o snocciolate, e servite subito guarnendo con fettine di limone.

Sorcetti verdi
Lessare e sbucciare le patate, schiacciarle ancora calde e raffreddarle. Passare gli spinaci lessati, strizzarli e unirli alle patate. Impastate con uova, sale e farina. Formare dei lunghi cilindri e tagliarli a pezzettini. Lessare i "sorcetti" per 2, scolarli e servirli caldi, conditi sugo di castrato e con pecorino.

Spaghetti ai liscari
Lavare gli agretti, lessare gli spaghetti e gli agretti insieme, scolare il tutto e porre in una grande zuppiera con olio: mescolare e aggiungere abbondante ricotta grattugiata e pepe: servire caldo.

Spezzatino di castrato
Scaldare l'olio, soffriggere cipolla e peperoncino; infarinare lo spezzatino, rosolate sfumando con la birra. Aggiungere le carote tagliate a rondelle e i fagioli ammollati e scolati, salate e condire con abbondante origano, aggiungere il brodo e la passata, coprendo la carne, coprire e cuocere, mescolando, per 4 ore.

Stoccafisso all'abruzzese
Tagliare lo stoccafisso, lavarlo ed asciugarlo; soffriggere olio e cipolla, sistemarvi lo stoccafisso e cuocerlo per 10'. Tritare prezzemolo, aglio e peperoncino; cospargerlo sul pesce, aggiungere alloro, cannella, chiodi di garofano, passato di pomodoro e unire i funghi: coprire e cuocere per 210'. Unire le patate tagliate, salare e proseguire lentamente la cottura fino a che lo stoccafisso sarà ben tenero.

Tacchino alla neretese
Tagliate il tacchino in pezzi, mettetelo in una pirofila con aglio, rosmarino, vino bianco, strutto e acqua sufficiente a coprirlo. Cuocete in forno per 180', facendo assorbire tutta l'acqua; impattare e servire.

Tagliatelle al sugo di lumache
Ammollare le lumache nella crusca, lavatele in aceto e sale, sciacquatele molte volte; bollitele per 30'; sgusciatele, ripassatele in aceto e sale, strofinatele nella farina gialla, per privarle della bava. Soffriggete, in olio, aglio e peperoncino; calate le lumache, salate e pepate e cuocere. Aggiungere rosmarino, pimpinella, menta, salvia, maggiorana e pomodori: mescolare, coprire e cuocere piano. Lessate le tagliatelle; scolatele, conditele con il sugo delle lumache e servite.

Tagliatelle con il baccalà
Ammollare il baccalà, e tagliatelo a striscioline; soffriggere la cipolla in olio, unite pomodori pelati, olive, baccalà, acqua e sale e cuocere. Cuocete in poco olio mollica, noci, mandorle e uvetta. Lessare la pasta, unirvi il sugo e il trito, saltando tutto insieme, poi impattare e servire.

Tarallucci di Natale
Sono una specialità tipica pugliese il cui impasto è formato da farina, olio, sale e pepe; esistono diverse versioni dei taralli e in ognuna di esse vengono cucinati in modo diverso: i taralli sono degli snack da mangiare per merenda, graditi dai grandi ma anche dai più piccini.

Trote al sugo di pomodoro
Squamate, sventrate, lavate e asciugate le trote; imbiondire l'aglio in olio, aggiungete pomodori, sale, pepe e cuocere per 20', mescolando e spezzettando i pomodori. Togliete l'aglio e aggiungere le trote: cuocere per 10', salare e cospargere di prezzemolo. impattate, versandovi il sugo di pomodori e servite ben calde.

Zuppa
Ammollate i fagioli, bollire le cotenne di maiale, raffreddare, raschiatele e tagliatele. Tritate la pancetta, scaldare dell'olio e doratevi la pancetta, unite cotenne, fagioli, cipolla, sedano, e alloro, salate e pepate. Cuocere per 180'. Mixare i fagioli, rimettete tutto in pentola, aggiungete la pasta e aspettate che sia al dente, mescolando di tanto in tanto. Servire ben calda.

Ecco alcune ricette tipiche a livello regionale:

Ricette di piatti tipici della regione abruzzo
Vedi tutti i vini Abruzzesi

Piatti tipici locali nei paesi confinanti con Morro d'Oro
Atri, Notaresco, Roseto degli Abruzzi

Condividi sui social!

Inserimento nuovo piatto tipico

Attraverso questo form è possibile inserire in questa pagina piatti tipici locali e ricette del paese o della provincia. E' necessario inserire la propria email in quanto il post non verrà pubblicato fino a quando non sarà pervenuta la conferma (attraverso l'email). Eventuali danneggiamenti e/o usi impropri di questo strumento saranno registrati (data, ora e IP del collegamento).

Locale Provinciale Regionale

To Top