Avigliana (Torino) :: Territorio, Storia e Dati Amministrativi

Il territorio, la storia di Avigliana

Avigliana Il territorio comunale si inserisce nella parte terminale della Val di Susa: l\'anfiteatro morenico Rivoli-Avegliana. Dopo la dominazione romana, Avigliana passa tra i possedimenti dell\'Abbazia di Novalesa, eretta dai Benedettini. Nel XII secolo Avigliana entra nella sfera dei conti di Savoia, tanti che nel 1350 Amedeo VI la dichiara piazza franca. Al castello di Avigliana è legata una leggenda che vorrebbe che il fantasma di Filippo II di Savoia vaghi ancora nei laghi della zona dopo essere stato imprigionato ed ucciso per tradimento dallo stesso Amedeo VI. Da visitare il Santuario della Madonna dei Laghi. La prima voce economica del territorio è l\'industria e la produzione di imbarcazioni da diporto. Importante ed in crescita anche il turismo. Nell\'Ottocento ad Avigliana aveva sede il Dinamitificio Nobel, la fabbrica di esplosivi più grande d\'Europa, convertita in fabbrica di vernici negli anni Sessanta.

Dettagli Amministrativi:

Curiosità:

  • Nome degli Abitanti: aviglianesi
  • Santo del Paese: San Giovanni Battista
  • Festa Paesana: 24 giugno

Dati Geografici:

  • Altitudine Municipio: 383 metri sul livello del mare
  • Latitudine: 45,0781 gradi decimali
  • Longitudine: 7,3997 gradi decimali

Vedi anche il territorio e la storia nei paesi confinanti a Avigliana
Almese, Buttigliera Alta, Caselette, Giaveno, Reano, Sant'Ambrogio di Torino, Trana, Valgioie, Villar Dora

Condividi sui social!

To Top