Avellino (Avellino) :: Territorio, Storia e Dati Amministrativi

Il territorio, la storia di Avellino

la città nasce come centro sannitico. I romani la fecero loro nel 293 a.C. Avellino fu cara a Silla che dall'89 la curò e ne favorì lo sviluppo insieme alle vicine Pompei ed Ercolano. Avellino subì, nel corso dei secoli, distruzioni e invazioni, fino all'arrivo dei Normanni. Qui nel 1130 Ruggero II fu incoronato re di Sicilia. Tragica per la popolazione la peste del 1656. Questa arrestò la crescita demografica e lo sviluppo della città. Dall'Unità d'Italia ad oggi l'importanza della città di Avellino e della sua provincia è in costante crescita. Arte ad Avellino: tra i simboli della città c'è la Torre dell'Orologio, eretta nel '600 in stile barocco. Importante anche l'obelisco dedicato a Carlo II d'Asburgo. Tra i grandi palazzi cittadini ricordiamo Palazzo Balestrieri, che si trova in Piazza del Duomo, Palazzo Cucciniello e Palazzo Caracciolo. Da visitare la chiesa di di Santa Maria, la più antica di Avellino. Degno di nota il Duomo, ovvero la CAttedrale dell'Assunta. Il centro della città è rappresentato da Corso Vittorio Emanuele, dove si trova anche il Carcere Borbonico.

Dettagli Amministrativi:

Curiosità:

  • Nome degli Abitanti: avellinesi
  • Santo del Paese: San Modestino
  • Festa Paesana: 14 febbraio

Dati Geografici:

  • Altitudine Municipio: 348 metri sul livello del mare
  • Latitudine: 40,9154 gradi decimali
  • Longitudine: 14,7896 gradi decimali

Condividi sui social!

To Top