Piatti tipici e ricette a Asti e in provincia di Asti

Piatti tipici a Asti, ricette e gastronomia: questa è la pagina dedicata ai bongustai e agli apprendisti cuochi. Ecco a voi tutte le ricette tipiche del comune di Asti. Primi, secondi, dolci, insaccati, vini, formaggi: ricette sconosciute ai più, ma di ottima qualità. Con le ricette che vi proponiamo stupirete tutti! Siete curiosi di provare uno dei piatti che vi proponiamo, ma ai fornelli siete un disastro? Cambiate pagina e prenotate un tavolo in uno dei ristoranti della zona o del comune: ne uscirete soddisfatti!

Piatti tipici Asti


Agliata del Monferrato
Lavate, asciugate e frullate le foglie delle erbe aromatiche, inserite aglio, sale e pepe: mescolate con succo di limone e olio. Amalgamate il composto con la toma fresca, miscelare e conservare in frigorifero: servitela spalmata su crostini di pane abbrustolito.

Bagna cauda
E' un tipico piatto piemontese, di origine astigiana, più precisamente delle Langhe, del Monferrato e delle province di Cuneo, Torino e Alessandria. Composto da aglio, olio e acciughe dissalate ai quali si possono aggiungere anche burro, panna, latte e noci tritate. Per tradizione si consuma nel periodo della vendemmia, in autunno e in inverno. Le sue origini si perdono nella storia e una delle sue leggende la vede cucinata per togliere ai vendemmiatori il dolce odore, quasi nauseante, dell'uva pigiata. Si propone sulla tavola, in caldi recipienti di terracotta scaldate con brace e cenere.

Canestrelli del canavese
Sono lavorati a mano per dare all'impasto la forma di una piccola biglia, vengono cotti in un ferro a pinza di ghisa conservando l'antica forma. Vi sono due varianti: quelli al cacao e quelli alla vaniglia, con un forte aroma di limone.

Carpionato di zucchine
Lavate e tagliate le zucchine; friggetele in olio d'oliva, salatele e disponetele in una terrina. Versate olio d'oliva in un pentolino, aggiungete sale, salvia, menta e aglio; bollite, friggendo fino a doratura. Aggiungete aceto e gettate il carpione caldissimo sulle zucchine e fate riposare: servite a freddo.

Fritto misto piemontese
In piemontese è riconosciuto come Fricassà mescià, è un piatto unico, di antica tradizione popolare, quando gli animali erano macellati artigianalmente e, per sprecare il meno possibile, si cucinavano anche le frattaglie. Ricetta tradizionalmente conviviale e tipica del periodo autunnale ed invernale, è tuttavia facile gustarla quasi tutto l'anno. Gli animali come l'agnello, il maiale o il vitello, dopo la macellazione, erano suddivisi e le animelle, i rognoni, i filoni, la cervella, il fegato e i testicoli venivano impanati nel pan grattato e fritti in olio e serviti con i sanguinacci nel giorno festivo dopo la macellazione.

Insalata di finocchi e bra
Grattugiare i due formaggi, mescolarli e suddividerli in quattro parti. Foderare e imburrare una placca da forno, stendervi due dischi di formaggio, dorarli in forno per qualche minuto, estrarli e adagiarli in coppette, che ne assumano la forma. Preparare l'insalata e disporla nei cestini di formaggio, servendola immediatamente per non inumidirli.

Risotto coi porcini
E' un classico primo piatto autunnale gustoso e aromatico grazie al re dei funghi: il porcino. La sua morbida carne non annerisce e conserva intatto tutto il suo profumo anche dopo la cottura; appena pronto il risotto ai porcini, va spolverizzatelo con prezzemolo e parmigiano grattugiato.

Torta di cardi
Mondate e tagliate i cardi, ammollarli in acqua e limone; lessarli con un cucchiaio di farina, scolarli, asciugarli, passarli nell'uovo sbattuto, nella farina e friggerli; quando sono dorati, sgocciolarli, metterli a strati in una teglia imburrata coprendo ogni strato di parmigiano e burro. Infornare fin quando la superficie della torta sarà dorata

Piatti tipici e ricette locali: a Asti
(Nota: questa parte è gestita direttamente dagli utenti del sito, quindi non possiamo garantire la veridicità delle informazioni presenti)

  • Piatto tipico Agnolotti all'astigiana
     Per questo piatto occorre uguali vitello, coniglio, lombo di maiale, scarola o di spinaci. arrostire le carni, tritarle col sugo, mettere il trito in un grilletto e aggiungere le uova intere, la salsiccia disfatta e il parmigiano grattugiato. Inserire la scarola lessata. Tirare una sfoglia sottilissima, 4 uova per un chilo di farina, Depositare piccoli fagotti di ripieno a distanza di 2 centimetri; ripiegare la sfoglia su stessa, premiere con il taglio tra un agnolotto e l’altro, e tagliarli con la rotella. Per gustarli all’apice della bontà, saranno nel brodo, conditi con burro fuso o con il sugo degli arrosti, o ancora con un ripieno saltato con burro e conserva di pomodoro.

  • coniglio all'astigiana secondo piatto
     Per questa lecornia occore un coniglio pulito e privo di testa e zampe, cipolle, pancetta, burro, prezzemolo, rosmarino, aglio, salvia, alloro, grignolino, olio extra vergine di oliva, timo, sale e pepe. Tagliate il coniglio a pezzi regolari, affettare la cipolla, tritare lai salvia, il rosmarino ed una foglia di alloro, unite un pizzico di timo. Pestate la pancetta, soffriggetela in casseruola con burro e olio. Aggiungete la cipolla e lasciatela appassire dolcemente.nite, poi, i pezzi di coniglio; salate, pepate, rosolate la carne su fuoco vivace. Irrorate il tutto con il vino. Quando inizia a bollire, abbassate la fiamma al minimo e cuocere il coniglio per un ora e un quarto, mescolando di tanto in tanto.Prima della terminazione della cottura, tritate finemente il fegato, il prezzemolo e l'aglio, uniteli al coniglio ed alzate leggermente la fiamma affinché la carne possa insaporirsi ed amalgamarsi.nite, a fine cottura, abbondante prezzemolo e servite ben caldo.

  • contorno le cipolle astigiane
     Per questa pietanza occorrono cipolle, patata, prezzemolo, maggiorana, timo, menta, aglio, panna fresca e sale. Cuocere la patata, ben lavata, in acqua bollente leggermente salata, calcolando circa 35 minuti dall’inizio dell’ebollizione. Cuocere le cipolle sbucciate in acqua bollente leggermente salata per circa 25 minuti. Mondate le erbe aromatiche e tritatele con l’aglio sbucciato. Sgocciolate e svuotate le cipolle e tritate la polpa estratta. Scolate la patata, sbucciatela e riducetela in purè; raccoglietela in una terrina, unite la cipolla tritata, buona parte del trito aromatico, salate e lavorate con 2 cucchiai di panna. Farcite, con il composto le cipolle disponendo sopra le erbe aromatiche. Versate la panna rimasta in una teglia, disponete le cipolle e fatele cuocere nel forno caldo a 180 °C per 10 minuti; sfornate e servite.

  • Dolci e Gelati
     Il “Tirulën” è un dolcetto tipico di Isola d’Asti, il suo nome deriva dal fatto che anticamente, da questo impasto, si tiravano via degli gnocchetti, si passavano nello zucchero e si mettevano in forno. Il Torrone astigiano alle nocciole è un altro dolce tipico, già conosciuto dai romani, e che ebbe ampia diffusione in Italia nel Medioevo.

Ecco alcune ricette tipiche a livello regionale:

Ricette di piatti tipici della regione piemonte
Vedi tutti i vini Piemontesi

Condividi sui social!

To Top