Piatti tipici e ricette a Arezzo e in provincia di Arezzo

Piatti tipici a Arezzo, ricette e gastronomia: questa è la pagina dedicata ai bongustai e agli apprendisti cuochi. Ecco a voi tutte le ricette tipiche del comune di Arezzo. Primi, secondi, dolci, insaccati, vini, formaggi: ricette sconosciute ai più, ma di ottima qualità. Con le ricette che vi proponiamo stupirete tutti! Siete curiosi di provare uno dei piatti che vi proponiamo, ma ai fornelli siete un disastro? Cambiate pagina e prenotate un tavolo in uno dei ristoranti della zona o del comune: ne uscirete soddisfatti!

Piatti tipici Arezzo

Cinghiale in umido
Lavate la carne di cinghiale, tagliatela e marinatela con tutti gli odori in acqua ed aceto per 12 ore; preparate un battuto con cipolla, carota, rosmarino e sedano. Tolta dalla marinatura, cuocere la carne a fuoco alto per farle fare acqua. Scolate l'acqua, aggiungete l'olio ed il battuto e quando appassisce aggiungere peperoncino, ginepro, capperi e olive. Salate e pepate. Quando la carne è rosolata evaporate con vino rosso, unite i pomodori, acqua e cuocere per 120': servite con polenta o patate lesse.

Crostini toscani
Pulire e lavare i fegatini, asciugarli e tagliarli, tagliare le verdure e soffriggerle in padella con olio. Versare nel soffritto i fegatini, salare, bagnare con il marsala e unirvi del brodo. Cuocere per 15' aggiungere capperi e acciughe. Mixare i fegatini ottenendo un composto omogeneo, tagliare del pane toscano e scaldarlo: spalmarvi il composto di fegatini e servirli caldi.

Farro alla lucchese
Lessare i fagioli messi ammorbiditi, passare la metà dei fagioli ed rimettere la purea nel brodo, conservare interi gli altri. Rosolare gli odori e le verdure, aggiungere il farro, soffriggere e mescolare, unire pomodoro, brodo e la purea dei fagioli. Salare, pepare e lasciar e bollire.



Frittelle di San Giuseppe
Si cucinano lessando il riso in acqua e latte con una stecca di vaniglia fino a che non risulti morbido. Formare delle palline, friggerle, scolarle su carta assorbente e servirl spolverizzate con zucchero a velo.

Panforte
E' un tipico dolce natalizio di antiche origini; da sempre viene preparato con conce di arancia, cedro, melone, mandorle e spezie. Per una copertura prefetta, oggi si usa lo zucchero vanigliato anziché il pepe nero.

Pappardelle con cinghiale
Sono un robusto primo piatto grossetano, sgono preparate tagliando la carne marinata, rosolata con un trito di cipolla, carote, sedano e spezie. Si aggiungono vino rosso, passata di pomodoro, e si fa bollire per 90'.

Risotto nero
E' un primo piatto di pesce molto pregiato è arricchito da gamberi e calamari freschi, sfumato con un fumetto di pesce: il profumo di questo piatto invita all'assaggio e trasporterà in riva al mare: si porterà in tavola un piatto gustoso dal sapore mediterraneo.

Sugo toscano
Preparate un battuto di verdure, rosolarlo in olio, appena imbiondisce, aggiungete e soffriggere la carne, inserire vino bianco e ritirare. Passate i pomodori pelati, versarli nel tegame con gli aromi e la carne, salate, pepate e cuocere fino a quando sarà denso.

Tonno briaco
Soffriggete olio, cipolla, prezzemolo e alloro; mettete i tranci di tonno, rosolateli, salate pepate e versate il marsala: cuocete per 10'; friggete il pane, scolatelo e impattatelo, appena cotto il tonno, disponetelo sul pane e tenete al caldo. Soffriggete in olio le acciughe, spappolatele, versate il sugo di cottura del tonno filtrato, aggiungete capperi e succo di limone, salate, bollite, versate la salsa sul pesce e servite.

Zuccotto alla fiorentina
Foderare lo stampo con fette di pan di spagna e bagnare con l'inzuppatura al vin santo, montare la panna con lo zucchero; unire, a una metà, scaglie di cioccolato e all'altra il cacao setacciato, il cioccolato e lo sciroppo. Riempire lo zuccotto metà con panna montata bianca e scaglie di cioccolato e l'altra metà con la panna al cioccolato. Ricoprire con pan di spagna e inzuppare ancora. Raffreddare per 4 ore, impattare, decorare e servire.

Zuppa di ricotta
Imbiondire una cipolla tritata fine, pepe e sale; rosolate la ricotta di pecora, aggiungete spinaci e girate. Spegnere e inserire pomodoro fresco, versare tutto sul pane raffermo, tagliato a fette e tostato, grattugiate sopra il cacio pecorino maremmano e servire.

Piatti tipici e ricette locali: a Arezzo
(Nota: questa parte è gestita direttamente dagli utenti del sito, quindi non possiamo garantire la veridicità delle informazioni presenti)

  • Primi Piatti l'Acquacotta minestra
     Primi Piatti: l'Acquacotta, una minestra di pane con uova, formaggio grattugiato e brodo di funghi che vuole: pane casalingo raffermo, cipolle grosse, pomodori maturi, uova, pecorino, basilico, sedano, olio d'oliva, sale e pepe. Appassire in una pentola, lolio e le cipolle tagliate sottili. Quasi sfatte, unire i pomodori pelati e senza semi, il basilico, il sedano, sale e pepe. Fate cuocere per circa mezz' ora e poi versate un litro e mezzo di acqua (o di brodo). Tenete sul fuoco per altri 30 minuti. Direttamente nella pentola aggiungere le uova facendo attenzione a non romperle, cuocetele per 3 o 4 minuti in modo che diventino « in camicia». In scodelle, o in terrine, mettere le fette di pane abbrustolite, cospargete il pecorino e versateci sopra, con un ramaiolo,l'acquacotta caldissima. Fate in modo che tocchi un uovo a testa. Servite a parte altro pecorino.

  • Secondo Piatto: La lepre in dolceforte
     Per la ricetta della lepre in dolceforte occorre: mezza lepre frollata da 4 giorni, prosciutto crudo grasso, cioccolato fondente grattugiato, pinoli, arancia e cedro canditi, zucchero, uva sultanina, farina, cipolla rossa, carota, sedano, prezzemolo tritato, aceto di vino rosso, sale, pepe nero, olio extravergine d’oliva. Tagliare la lepre in piccoli pezzi, metterla a marinare per una notte coperta di vino rosso e sale. Poi sciacquateli e fateli cuocere per 10 minuti in una casseruola senz’acqua con un coperchio per far fuoriuscire il liquido della marinatura. Preparare un trito di verdure, rosolare la lepre con il battuto in una casseruola con un generoso fondo d’olio. Prendete i bocconcini di lepre e scolateli dall’unto ed aggiungete un pizzico di farina ed aggiungete via via dell’acqua per far cuocere la lepre a fuoco lento. Preparate intanto il dolceforte mettendo in un bicchiere l’uvetta, i pinoli, la cioccolata, i canditi, lo zucchero e l’aceto. A fine cottura, quando la lepre vi sembra quasi pronta, versate il bicchiere e fate bollire il condimento fino a che non sarà incorporato nel seghino e nei pezzetti di carne. Servite caldo e gustate!

  • Contorno di Fagioli all'uccelletto:
     Contorni Fagioli all'uccelletto: sono fagioli lessati, cotti in tegame con pomodori e salsiccia di maiale; occorrono: Fagioli secchi, pomodori, olio extravergine d’oliva, aglio e erba salvia: Fra cuocere i fagioli, coperti d'acqua, in una pentola di coccio a fiamma bassa, aggiungere l'erba salvia,uno spicchio d’aglio e un cucchiaio di olio d’oliva. Fate cuocere fino a che i fagioli non siano teneri. Una volta lessati i fagioli, mettete in un tegame e fate rosolare delicatamente con i due spicchi d’aglio, la salvia e l'olio d’oliva. Dopo aggiungete i pomodori sbucciati e privi dei semi, cuocere fino a otterrete una salsa densa; aggiungete i fagioli precedentemente lessati, salate e pepate a piacere. Proseguite la cottura per circa quindici minuti avendo cura di assaggiare di tanto in tanto per valutarne meglio il grado di cottura.

  • Dolci e Gelati
     Brigidini, copate, panepazzo, sommommoli, buccellato, ossi di morto. E ancora: cantucci, panforte, zuccotto, castagnaccio, cavallucci e melatelli. Sono solo alcuni dei dolci tipici toscani, tramandati da generazione in generazione. L'elenco è molto lungo. In una regione con una grande varietà di paesaggi, di usi, di prodotti, di opere d'arte anche i dolci non potevano essere da meno: è presente, infatti, una vasta gamma di dolci che variano da provincia a provincia.

Piatti tipici in provincia, regione:
(Nota: questa parte è gestita direttamente dagli utenti del sito, quindi non possiamo garantire la veridicità delle informazioni presenti)

  • Trippa
     tagliare a piccoli dadini sedano,carote e cipolle, mettere casseruola con olio oliva aggiunre la trippa poia seguire completare con pomodoro,sale e pepe. far cuocere a fuoco lento fino a che il pomodoro non sara ritirato,non meno di ore 1,30 a piacere si può aggiungere prima dil pomodoro carne di di manzo tritata .

Ecco alcune ricette tipiche a livello regionale:

Ricette di piatti tipici della regione toscana
Vedi tutti i vini Toscani

Condividi sui social!

Inserimento nuovo piatto tipico

Attraverso questo form è possibile inserire in questa pagina piatti tipici locali e ricette del paese o della provincia. E' necessario inserire la propria email in quanto il post non verrà pubblicato fino a quando non sarà pervenuta la conferma (attraverso l'email). Eventuali danneggiamenti e/o usi impropri di questo strumento saranno registrati (data, ora e IP del collegamento).

Locale Provinciale Regionale

To Top